L'Italia chiamò-Capodimonte oggi racconta, invito agli studiosi

L’Italia chiamò-Capodimonte oggi racconta, invito agli studiosi

Il Museo e Real Bosco di Capodimonte invita i docenti universitari a contribuire alla rubrica quotidiana “L’Italia chiamò-Capodimonte oggi racconta”

Il direttore Bellenger agli studiosi: “Il nostro sito web è uno spazio aperto al confronto”

La rubrica quotidiana “L’Italia chiamò-Capodimonte oggi racconta” pubblica oggi il testo di Diego Esposito, docente di Storia dell’Arte all’Accademia di Belle Arti di Napoli che propone un viaggio alla scoperta di Giuseppe Renda e della scultura a Napoli e del suo rinnovamento tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento.

L'Italia chiamò-Capodimonte oggi racconta, invito agli studiosiL'Italia chiamò-Capodimonte oggi racconta, invito agli studiosi

Ecco qui il testo:

http://www.museocapodimonte.beniculturali.it/litalia-chiamo-capodimonte-oggi-racconta-la-fuga-in-egitto-di-battistello-caracciolo/

Un intervento presentato nelle giornate di studi organizzate a conclusione della mostra Depositi di Capodimonte. Storie ancora da scrivere (21 dicembre 2018 – 15 ottobre 2019), a cura di Maria Tamajo Contarini e Carmine Romano, nell’Auditorium del Museo e Real Bosco di Capodimonte, che hanno proposto una rilettura delle collezioni, stimolando nuove esperienze e confronti ancora da scrivere.

La chiusura fisica del Museo ha spinto il direttore Sylvain Bellenger, che ha fatto della digitalizzazione delle opere d’arte una delle missioni cruciali del suo mandato, a inaugurare questo spazio virtuale sull’immenso patrimonio storico-artistico di Capodimonte: una rubrica quotidiana “L’Italia chiamò-Capodimonte oggi racconta” alimentata grazie al contributo delle risorse interne. I contenuti scientifici proposti hanno incontrato il consenso dei lettori e l’apprezzamento di critica e stampa. Il quotidiano “Le Monde”, ad esempio, ha definito “Capodimonte come uno dei primi musei italiani ad aver inaugurato le aperture virtuali e ad aver presentato le mostre con sorprendente abbondanza di precisione, discussione e documentazione fotografica” al punto da suggerire ai suoi lettori che “c’è molto da leggere e da apprendere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *