Vegezio, dal panificio nella Napoli liberata al delivery food nell’era Covid

Vegezio, dal panificio nella Napoli liberata al delivery food nell’era Covid

Oggi i furgoncini sfrecciano nella città semideserta con un carico di parmigiane, fritture di pesce, millefoglie con l’obiettivo di consegnare il cibo caldo e fragrante di forno a chi rispetta il lockdown ma non rinuncia agli sfizi. Si chiama delivery food, ed è l’arma segreta nell’era della guerra al Covid.
Cento anni fa, a Posillipo, la sfida della Vegezio era la stessa, ma il pane, le pizze, i tortani bollenti correvano sui tram, sui carretti, passavano di mano in mano per raggiungere i vari punti della città, fino ai più deboli, ai più poveri. Allora, per la storica azienda di ristorazione napoletana, la guerra si combatteva prima contro la miseria, poi contro il fascismo, quindi contro la crisi economica successiva alla seconda guerra mondiale nella Napoli “liberata” ma distrutta.

Negli ultimi anni Vegezio, guidata dalle ultime generazioni con in prima fila il vomereseValerio, si è specializzata, oltre che nel catering per eventi, nella refezione scolastica Bio e Dop e sociosanitaria negli ospedali. Ecco perché quando è scoppiata l’emergenza Covid l’esperienza maturata nel rifornimento in ambienti in cui è previsto un particolare rigore sotto il profilo della sicurezza, ha consentito a Vegezio di organizzare il lavoro nel modo più congeniale alla delicatezza del momento.

Con la seconda “ondata” e la mancata riapertura delle scuole, poi, la Vegezio ha deciso di rimettersi in gioco, provano a lanciarsi nel campo del delivery food, ma introducendo alcune novità importanti, rispetto alla concorrenza. Niente ausilio di Appinternazionali, né di corrieri spericolati a bordo di moto, niente ordinazioni “last second” per non penalizzare la qualità del cibo cucinato né tantomeno ricette gourmet che non fossero in linea con la tradizione, comunque raffinata, degli chef di Vegezio.

In più, la società di via Cintia ha puntato sulla linea diretta di Wapp (0817600621) per le ordinazioni, sui pagamento no-Covidcon link spediti sul cell (oltre che PayPal e contanti) e su pacchetti di cibo targato Napoli ma in molti casi rielaborati in una chiave particolare. Un esempio? La parmigiana in crosta di pane, la salsiccia ubriaca, il filetto al San Daniele: primi, secondi, contorni consegnati a casa dai furgoncini di Vegezio in assoluta sicurezza e gratuitamente.

Famiglie, single, coppie etero e gay, impiegati negli uffici, nonne in quarantena, casalinghe stufe di cucinare, mariti stanchi di fare i piatti, figli desiderosi di mangiare qualcosa di diverso dai sofficini della governante. Il delivery di Vegezio è semplice e “intimo”, rapido e senza filtri. Proprio come quando si ordinava il panino col prosciutto al panificio di via Posillipo e sapevi, alla cieca, cosa si nascondeva dietro quella barriera bianca di mollica scamazzata.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *