Lo spritz? Lo fa il robot. Arriva in Campania Barty, la macchina da 150 cocktail all’ora

Si chiama Barty, è meridionale ed è in grado di fare un ottimo spritz veneziano. Ma anche Cuba Libre, Negroni e tutti i classici della mixology. Non è però un bartender, bensì un robot.

L’innovativa macchina sbarca ora in Campania grazie a una sinergia in piena crisi pandemica che vede protagoniste Prototipia Srl, ideatrice di Barty, e l’agenzia Hubstrat, che con questo accordo segna un altro passo nel solco delle strategie orientate al “Go To Market“, accompagnando l’idea dal concept fino al mercato.

COME FUNZIONA BARTY

Ideale per strutture alberghiere, studi professionali, discoteche o sale da ballo, attività che non prevedono necessariamente un barman esperto, ma anche in occasione di eventi e congressi, Barty è un sistema compatto di miscelazione automatizzata per la preparazione di cocktail di qualità professionale.

Basta collegare agli slot posteriori le giuste bevande, utilizzare i preset a disposizione o crearne di nuovi, e Barty è pronto a servire il cocktail. Dotato di un processore e tecnica di ultima generazione, tra cui un rapido sistema idraulico interno, Barty permette di fare un gran numero di cocktail automatici. “In questo modo – spiegano i creatori del robot – si ha più tempo da dedicare a nuove strategie e nuove ricette, lasciando che Barty si occupi delle fasi più meccaniche e ripetitive del lavoro. Senza fermarsi, mai!”.

L’intera macchina si gestisce totalmente tramite app e prepara fino a 150 drink all’ora, tutti con gli stessi standard di costo e qualità ed evitando gli sprechi. Grande quanto una macchina compatta per il caffè o un dispenser per bibite (che rendono Barty il più piccolo dispositivo di miscelazione automatizzata per cocktail presente sul mercato), si adatta quindi a qualsiasi ambiente, in ogni condizione e ad ogni spazio. Non necessita di progettazioni o di impianti. È sufficiente la creatività e l’ingegno commerciale per farlo funzionare sempre al massimo delle sue possibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *