Song NA Pace, Napoli capitale della pace

Song NA Pace
Napoli capitale della pace con il primo concerto per la solidarietà tra i popoli secondo gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite

Quaranta artisti e gruppi musicali napoletani si esibiranno a Napoli per il primo concerto per la pace in Italia, organizzato da Gesco secondo gli obiettivi di Agenda 2030 delle Nazioni Unite. L’appuntamento è per venerdì 3 giugno 2022 all’Arenile di Bagnoli dalle ore 18 alle ore 24 con Song NA Pace, evento di solidarietà per tutti i popoli in guerra nel mondo e con l’obiettivo di sollecitare una maggiore attenzione da parte dei governi al tema dei conflitti e delle guerre civili in corso nel mondo, di cui moltissimi in Africa (dalla Libia al Congo alla Somalia), in Asia (Afghanistan in testa) e in Sud America (Colombia e Venezuela in testa), oltre che all’ultima guerra alle porte dell’Europa tra Russa e Ucraina.
Il concerto sarà presentato dall’attore Daniele Russo affiancato da una giovane attrice della Factory del Teatro Bellini, e vedrà esibirsi sul palco dell’Arenile artisti diversissimi tra loro ma accomunati dalla volontà di lanciare un messaggio di pace dalla città dell’accoglienza e della fratellanza tra i popoli. Si alterneranno sul palco: Azul, Quartetto Bellini, Eugenio Bennato, Simona Boo e Diego Imparato, Federica Cammarota e Sandro Pandolfi, Emiliana Cantone, Maurizio Capone Bungt Bangt, Massimo Di Cataldo, Gabriele Esposito, Rico Femiano, Assia Fiorillo, Gianfranco Gallo, Gnut, I Desideri, Ivan Granatino, Jovine, LivioCori, Lucariello, Mavi, Ciccio Merolla, Moderup, Nuova Compagnia di Canto Popolare, Osanna, Peppoh, Plug, Popularia, Tommaso Primo, Daniele Russo, Luca Rustici, Dario Sansone, Sillaba, Tony Tammaro, Andrea Tartaglia, Yoseba.
L’evento sarà aperto dalla musica brasiliana di Bateria PegaOnda e chiuso dal dj set di Matteo Pagliarella.
L’iniziativa ha il patrocinio del Comune di Napoli e la collaborazione dell’Arenile di Bagnoli, del Teatro Bellini e dell’Associazione Sii turista della tua città. Il coordinamento degli artisti è del musicista Massimo Jovine.
Tra una esibizione e l’altra sono previsti interventi sul palco di rappresentanti delle Nazioni Unite e di agenzie Onu legate al lavoro dell’Assemblea Generale e del Consiglio di Sicurezza (tra cui Unhcr, l’organizzazione mondiale per i rifugiati).
Oltre a lanciare il fondamentale e universale messaggio di pace con la potenza della musica, come detto, la serata servirà anche a raccogliere fondi per sostenere le famiglie di profughi arrivate a Napoli, soprattutto provvedendo ai percorsi educativi dei bambini ucraini e russi scappati dal conflitto in corso.

 

Prevendita su www.siiturista.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *