Cybersicurezza, Swascan: attacchi ransomware in crescita del 37%

Cybersicurezza, Swascan: attacchi ransomware in crescita del 37% sul secondo trimestre 2021 e del 30% sul primo trimestre 2022

 

Nuovo report sulle attività delle cybergang, aumentano gli attacchi alle PMI

Dall’ascesa dei russi di LockBit alle novità di Onyx, Minware e Black Basta, la classifica delle 15 cybergang più attive

707 gli obiettivi attaccati in tre mesi a livello globale, l’Italia quarto paese tra i più bersagliati nel mondo

 

707 obiettivi attaccati in 62 paesi nel secondo trimestre del 2022, in crescita del 37% sul medesimo periodo del 2021 e del 30% sul trimestre precedente, con un incremento significativo delle piccole e medie imprese vittime di ransomware: il 72% delle aziende vittime di esfiltrazioni di dati accompagnate a richieste di riscatto hanno un fatturato inferiore ai 250 milioni di dollari. Questo il frutto della razzia sul web delle prime quindici cybergang più attive nel secondo trimestre 2022, stando a quanto riporta il rapporto “Gang Ransomware Q2” (https://www.swascan.com/it/report-ransomware-trend-e-analisi-nel-q2-2022/) redatto dal SOC e Threat Intelligence team di Swascan. Una analisi condotta attraverso la piattaforma proprietaria di Cyber Threat Intelligence e rilasciata on line sul sito della società italiana di cybersicurezza facente parte del Gruppo Tinexta. Il rapporto, unico nel suo genere per mole di dati e continuità di analisi, fornisce una mappa aggiornata dell’attività cybercriminale in rete al quinto mese del conflitto ucraino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *