La Commedia dell’arte incontra la Divina Commedia di Dante

Sabato 31 luglio 2021, alle 21.30, nello splendido scenario dell’Anfiteatro campano di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) (il più grande anfiteatro d’Italia dopo il Colosseo di Roma), all’interno del Festival Arena Spartacus, va in scena, in anteprima nazionale, lo spettacolo Aldiqualdilà – Tre maschere dell’adiqua nell’aldilà dantescoda un’idea di Dario Menee,Giuseppe Pestillo ed Ettore Nigro che firma il testo con Giovanni Del Prete a cui è affidata anche la regia –, un’originale commistione tra la Commedia dell’Arte e la Divina Commedia di Dante Alighieri, nel settecentenario della morte del Sommo Poeta.

Arlecchino, Capitano e Pulcinella (interpretate da Antonio Vitale, Ettore Nigro e Gaetano Franzese) intraprendono un viaggio nell’aldilà, nella vana ricerca di un santo in paradiso a cui votarsi per trovare un posto (o una forma di sopravvivenza) nell’aldiqua. Seguendo le orme di Dante Alighieri attraversano l’Inferno e il Purgatorio, per giungere infine in un Paradiso vuoto dove, al cospetto della luce di Dio, si spoglieranno di qualsiasi maschera. Ad accompgnare i tre buffi eroi nel lungo viaggio, una figura femminile misterica e simbolica (interpretata da Anna Bocchino).

Lo spettacolo si avvale di due artisti visivi che, insieme, fondono tradizione e modernità: il pittore metafisico e surrealista di fama internazionale Ciro Palumbo, le cui opere sono presenti nelle maggiori gallerie d’arte d’Europa; e il videomapper Alessandro Papa, anche docente all’Accademia di Belle Arti di Napoli. La tecnica del videomapping, poi, consente non solo un allestimento agile e adattabile a qualsiasi spazio, ma di mantenere la tradizionale e tipica struttura“a scenari” della Commedia e il travestimento deicommedianti.

«I tipi fissi della Commedia dell’Arte vengono riportati all’inizio dello spettacolo in maniera purista, rispettandone la specificità storica e popolare – dichiara Arduino Speranza, attore e insegnante di teatro in numerose accademie –.Partendo da questo si arriva a una fisicità quasi beckettiana, attraverso la destrutturazione e trasformazione delle maschere stesse, rispettandone il percorso storico come avviene per Pulcinella-Sciosciammocca. Le maschere vivono in scena una vita fatta di sospensioni, che rimanda a un’altra epoca, ritrovando la loro parte romantica e poetica, senza mai dimenticare da dove vengono e quanto sia importante la comicità e il sorriso di chi le guarda».

I costumi sono a firma di Anna Zuccarini, lescene di Filippo Stasi e Francesco Bellella, le maschere di Renzo Sindoca e le musicheoriginali di Tommy Grieco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *